Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/8

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Xe sto caro Vin amabile,
     Sto Friularo benedeto1
Lu ga i gusti più stupendi,
     Tuti i odor più sontuosi;
     25No ga Vini el Benintendi2
     Del Friularo più preziosi.
Viva sempre la memoria
     Del famoso Giulio Cesare,
     Che à portà sto Vin in Udine
     30Da paesi lontanissimi:
     Vin che dopo molti secoli
     Trasportà da man benefica
     In sto nostro clima docile,
     In sta tera cussì fertile,
     35Xe riussio, segondo mi,
     El più bon dei nostri dì.
Su via donca alegramente,
     Tuti toga el goto in man,
     E bevemo fin doman
     40De sto Vin cussì ecelente,
     Su via tuti alegramente.
Vegna in qua bozze e bozzoni,
     Ingistare e botiglioni,
     Canevete e bariloti,

  1. Vino nero e squisitissimo, che si raccoglie in Bagnoli, Villa del Territorio Padovano, dove la nobile famiglia Vidmann ha porzione delle sue rendite.
  2. Mercatante di Vini Forestieri in Venezia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/8&oldid=55372"