Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/76

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Oh che otima missianza,
     360Che i farà ne la me panza!
Ah magari ghe ne fusse
     Da poder sin che go fià,
     Sin che un angolo me avanza
     Impenirme ben la panza!
Che i sia Celeghe o Perussole,
     Che i sia pur Subioti, o Passere,
     Che i sia pur quelo che i vol:
     Mi me basta che i sia Osei...
Ma, per dia, no xe possibile:
     370No val bezzi, no val trapole
     Per averghene, per chiaparghene
     Quanti mi voria magnarghene...
     A sta ora per comprarghene
     Gavarò speso un milion;
     Gavarò impenìo de trapole
     Quasi cento Possession.
     Perchè mi go rede e trate,
     Go dei rocoli a bizefe,
     Go tordere, quagiarìe,
     380Go passade, ciese, utìe;
     Go el diluvio, go paloni,
     Gavarò mile Falconi,
     Altretanti Cazzadori
     Altretanti Oseladori;
     E po dopo ghe son mi
     Che son bravo più de lori....

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/76&oldid=62172"