Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/75

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Sì, Natura, femo pase,
     Xe dover che me contenta
     De sta boca che ti à fato,
     Che la è bona per polenta....
No voi altro, no voi altro;
     Portè tuto via de qua,
     Che ò magnà, che ò magnà....
Ma cossa ghe xe là?
     Oh che diavolo, Oseleti!
     340Xeli rosti? Ah benedeti!
     Voi cercar sti Petirossi;
     Ma sarave un farghe torto
     Lassar là quei Codarossi.
     Oh cospeto che Fincheto!
     Che Caonegro, che Ortolan!....
     Voi magnarme quel Montan;
     Anca st'altro... anca sti do;....
     Ah! sti quatro; e lasso là....
     Maledeli sti Montani
     350No comincieli a operar!
     Anca rosti i fa sto efeto?...
     Sì, per dia, me xe tornada
     La mia vogia de magnar.
Ah magnemoli,
     Destrighemoli!
     Qua sti Finchi, qua sti Finchi,
     Sti Frisoni,
     Qua anca st'altri, che i xe boni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/75&oldid=62171"