Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/99

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXXVII


La do e tre volte bona antighità,
     Priva dei lumi che gavemo nu,
     Orba e superstiziosa che mai più,
     4Che diavolezzi no àla mai adorà?

A sassi e piante altari la ga alzà,
     Pianeti e bestie infin incensi à bu,
     Cussì che po pensandoghe ben su
     8Anca Tulio s'avea descordonà.

Se in quei tempi la Nina comparìa,
     I ghe adorava certo la so Chioma,
     11E 'l gera quasi manco mal, per dia.

E fursi a gloria dei so bei Cavei
     Se vedarave ancora in Grecia o in Roma,
     14Circhi, guglie, obelischi, archi e trofei.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/99&oldid=62128"