Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/97

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXXV


Fra vu xe stà dove la prima volta,
     Cari boscheti, vaghi montesei,
     Go visto quela bionda Drezza sciolta,
     4Straluser e ondizar quei bei Cavei;

Fra vu xe stà dove me xe stà tiolta
     Del cuor la pase, dove zorni bei
     Go fenìo de gustar, dove revolta
     8Se xe ogni me alegreza in pianzistei.

Boscheti, montesei, che alora geri
     L'idolo mio, che me parevi tanti
     11Nii de delizie, fonti de piaceri;

Senza Nina me par, oh Dio, che tuti
     Me fè rechiamo al sangiotar e ai pianti,
     14E che siè deventai deformi e bruti.