Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/96

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXXIV


Trasportà dal pensier, che sempre tristo
     No pol za partorir che bruti intrighi,
     Me son catà, nè certo go stravisto,
     4De l'Inferno tra i oridi castighi.

Gran Dio, che tananai! Gran Dio, che misto
     De lamenti, de pianti, de urli e cighi!
     Furie, diavoli, strighe, orchi go visto,
     8De solfor sbampolae, fumi, calighi.

Visto un logheto, come xe una stua,
     Gh'ò domandà: Chi à da vegnirghe a star?
     11— Una superba se no la se mua.

A sta resposta cussì brusca e acerba
     Per ti m'ò sentìo, Nina, el cuor tremar,
     14Che quela Coa te fa tanto superba.