Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XLVI


Senti, Mingardi1, de che voi pregarte:
     Depenzime la Nina e i so Cavei;
     Varda che tuto semenà senz'arte
     4La gabia el fronte de rizzeti e anei.

Una Drezza de drio de undese quarte
     Fa che ghe casca zo de longhi e bei,
     E che, zogatolando, da una parte
     8Gh'in porta un pizzo in sen i ventesei.

Cerca el biondo più bel per sto laoro,
     Se no gh'in fusse mal, se no s'in dà,
     11E ti deposta adopera de l'oro.

Po faghe sta iscrizion: Questi che è qua
     Xe quei Cavei de Nina, anzi el tesoro,
     14Che fa deventar mato Mazzolà.




Note
  1. Valoroso Pittore Veneziano (N.d.R.).