Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXVI


Sapi Nina, che un omo come mi
     Gera quel fior che vien chiamà Narciso;
     Anzi fio de Liriope e de Cefiso,
     4Ma belo, ma superbo come ti.

Costù tornando da la cazza un dì,
     Spechiandose in t'un fonte, a l'improviso
     Tanto a lu istesso piasso ga el so viso,
     8E inamorà in lu istesso el s'à cussì,

Che'l xe spirà su quela riva, oimei!
     Miseramente da ecessivo amor,
     11E trasformà in quel fior lo ga po i Dei.

Ah! Nina mia, te parlo qua de cuor,
     Ti ga tanta superbia in quei Cavei...
     14Varda, che no se veda un altro fior.