Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     75Oh, povera bestiola!
     Senz'altro el mal ghe mola...
     Nol vedo più a missiarse,
     Nol sento più a lagnarse;
     Voi darghe giusto un baso...
     80Perdia!... ghe saria caso!
     Oh dio che bruti sesti!
     Catina, Toni, presti...
Mo via, agiutèlo, oh dio!
     Dotor, per carità!
     85Caro Lesbin, cuor mio,
     Caro mio dolce amor...
Ah! che no gh'è più tempo,
     El mio Lesbin xe morto...
     L'è morto... sì, l'è morto,
     90L'è morto, sì, Dotor.
     Ah sorte crudelissima!
     Che colpo xe mai questo!
     Catina, Toni, presto,
     Presto che me vien mal...
95Cossa... cossa.... cossa feu!
     Dove, dove lo porteu?
     Lo voi qua,
     Lo voi qua...
     Olà, puti, abiè giudizio,
     100Che ancuo nasce un precipizio...
     Ah! Lesbin, Lesbin, Lesbin...
     Ah! Dotor, Dotor sassin!....