Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXXIX


Per guarir dal più fisso e saldo afeto
     Sugerisse Nason, mistro d'Amor,
     De studiar se gh'è gnente de imperfeto
     4In quela parte che ne trà più el cuor.

Sarà un ano, per dia, che mi a sto ogeto
     Studio e contemplo col più gran rigor
     De calar fora pur qualche difeto
     8In sta Coa che me tien schiavo d'Amor.

Cossa oi vanzà? Che a forza de studiar
     Go scaturìo de l'altre qualità,
     11Che sempre più m'à fato inamorar.

De megio da insegnar co' no ti ga,
     Caro Nason, ti te pol giusto andar
     14A farte ben... Ti ti me intendi za.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/101&oldid=62005"