Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER SPOSALIZIO


Diga pur chi vol dir, che 'l sia un intrigo
     El maridarse, che, a schieto parlarve,
     Legiadra Zentildona, mì ve digo,
     4Che otimamente ben fè a maridarve;

Anzi ve lodo, anzi ve benedigo;
     E se podesse vorìa imortalarve;
     (Compatì l'espression) parlo da amigo,
     8Spero che no avarè grama a chiamarve;

E se mi no me son mai maridà,
     Più d'una volta à portà el caso, che
     11Del minchion per la testa me son dà.

È vero che nel matrimonio gh'è
     Contese, desunion, contrarietà,
     14Ma tute schiopetade alfin no l'è;
                    E po lo vedarè
Col fato vu, che a deventar Consorte
     17Se ghe ne prova un poco d'ogni sorte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/43&oldid=69710"