Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'UMANITÀ


Tuto me fa tremar; basta un sorzeto
     Che se fazza sentir, no dormo più;
     Al morto, al ton, a l'urto, a l'oh, a l'uh
     4Palpita el cuor, e se me sera el peto,

Che giova aver assae leto e rileto,
     Se in pratica po va col culo in su
     Le acquistade nozion? Le serve a nu
     8De solo filosofico dileto.

Misera umanità! Altro ghe vol
     Che stoiche, che academiche bravure,
     11Chiamar quiete el morir, feral el Sol!

Co semo al ponto, ste nostre colture,
     Che tanto quà se stima e che ne pol,
     14Ne fa più porchi de le altre creature.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/25&oldid=67982"