Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    105Cariolai de solo e sora maluguali,
    E fiapi più dei vostri e più dei mii;
    El dreto è grando quanto xe un melon;
    El zanco è picoleto come un pomo;
    Dirè come ch'el so? da un Zentilomo.
    110De soto, semo senza carne adosso,
    E i omeni vol polpa e no vol osso.
        Che sesto! che ciera!
            Che naso! che vita!
            Che denti! che boca!
            115Che brazzi! che man!
        Sarave seguro
            Quel Sior, se anca sola
            Per Piazza la andasse
            Infin a doman.
120Ma pazienza, Sorela,
    Che no la fusse bela,
    Basterìa che la fusse
    Manco afetada; perchè a l'ocasion
    La zura sempre: Da quela che son;
    125E quando che i ghe cava el capèlo
    La fa la boca streta,
    E la ghe dise: Serva,
    Con quel esse sutilo, che la par
    Giusto un schizzeto al cul co l'è a sbrufar,
    130Se i ghe dà del tabaco
    La lo tiol prima in ponta de piron,
    Po la ghe supia via tuto quel poco

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/13&oldid=61965"