Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/60

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Quest'è 'l tormento
     De amar persone
     10De qualità.
Chi è mai sì strani
     Nel so' interesse?
     Tra i gati e i cani
     Ognun se sgnaola,
     15Se sbagia ognun,
     Nè 'l so bisogno
     Sconde nissun,
     Tuti el socore
     Co una grandissima
     20Sincerità.


XV

No è sempre vero
     Quel che ve par:
     L'ochio xe un giudice
     Che in più d'un caso
     5Xe sta inganà.
Come che burla
     Certe belezze
     Co' andè vicin,
     Ve burla ancora
     10Certe saviezze
     Che avè stima.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/60&oldid=69660"