Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/21

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


    Quel viseto cussì slisso;
    20Quela boca e quel bel sen,
Me sentiva drento al peto
    Una smania, un missiamento;
    Una spezie de contento
    24Che no so come spiegar.
So' stà un pezzo rispetando
    Quel bel sono, e ò soportà,
    Benche Amor de quando in quando
    28El m'avesse assae tentà;
E ò provà a butarme zozo
    Là con ela a pian pianin;
    Ma col fogo da vicin
    32Chi averia da ripossar?
M'ò stufà po' finalmente
    De sto tanto so dormir,
    E gh'ò fato da insolente,
    36Nè m'ò avudo da pentir;
Perchè, oh Dio, che bele cosse
    Che gh'ò dito, e che gh'ò fato!
    No, mai più tanto beato
    40Ai me' zorni no son sta.