Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/5

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PREFAZIONE

DI GIULIO PULLÈ

LETTA ALL'ATENEO VENETO

NELL'AGOSTO 1844.



Quell'interesse intenso e sempre operoso, che sprona l'uomo a frugare nelle reliquie del passato, come a cercarvi l'impronta, la traccia di ciò che contribuì un tempo a renderlo splendido e celebrato, è un sentimento nobile e magnanimo, è prova d'ingegno, di cuore, e di volontà.

Perciò vediamo, compresi di sacro tremito, muti di pietà e reverenza, parecchi illustri viventi, starsi cogli occhi avidi, e col cuore palpitante allo scoperchiar d'un avello, dove giacciono l'ossa pressochè incenerite, d'un che fu sommo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/5&oldid=61889"