Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/4

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


isvegliare ne' futuri la gratitudine che a tutta ragion Vi è dovuta! noi a poche e fragili carte, che il più lieve spiro di vento può disperdere ad ogni istante....!

Sennonchè il porle sotto la guardia del Vostro nome è unico modo di guarentirle dal destino che altrimenti le attenderebbe: degnatevi dunque d'accoglierle e far loro buon viso, avvegnachè sia questa l'unica mercede a cui, nello offerirvele, vivamente aspiriamo.


Devot. Obblig. Servitori ed Amici
NOB. JAC. VINCENZO FOSCARINI.
CO. GIULIO PULLÈ.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/4&oldid=61888"