Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/228

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


alla sua cara, che intende amore di patria, l'acerbo dolore della partenza.



LXV


Anema mia, se no ti vol che mora,
Dame restoro, e vien a la finestra,
Chè mi son coto, anzi brusà in fersora,
E bruo xe el pianto de la mia manestra;
Dame restoro, anema mia, a la presta,
Se al ponte andar ti sa de dona onesta.


Fersora: padella.

Bruo: brodo.

Il ponte di donna onesta vicino alla chiesa di s. Maria dei Frari, mena al palazzo Foscari, e fu cosi detto per l'avvenimento seguente.

È fama che un tempo, quando i Veneziani non erano per anco quello che ora sono; cioè un popolo cortese ed educato alle bele discipline; ma gente ruvida e fiera come tutta l'altra d'Italia a que' tempi, inasprita fra le guerre ed il sangue; é fama, dico, che in una casa la quale rispondeva sopra quel ponte, e che ora è soorapaisa, essendosene


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/228&oldid=61569"