Pagina:Annali veneti (Malipiero) 1.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


al presente el desidera de trovarlo in la medesima disposizion de far la sua parte, se parrà tempo de tuor quell'impresa; che 'l procura che questo so pensier habbi un zorno effetto, e che per tal causa l'ha mandà so ambassadori a tutti i Principi per redurli a la so corte; e fa instanzia che la Signoria mandi anch'essa. Sozonse1 el Dose, che è stà resposo al'Ambassador, che al presente la Signoria non è manco calda a questa impresa del passato; e quanto ai oratori, che se ghe haverà un puoco de considerazion.

Papa Calisto terzo sopraditto è vegnudo a morte, et ha lassado 116,000 ducati da esser spesi contra Turchi. È sta fatto in so luogo Pio segondo Senese, chiamado per avanti Enea Picolhomeni. E l'anno driedo2, 1459, ha scritto a la Signoria, che 'l vuol andar a Mantova per celebrar un Concilio, e trattar de far l'impresa contra Turchi, e la esorta a mandar suoi legati: e la Bolla è questa.

I.


Pius Episcopus, servus sertorum Dei. Dilecto filio Pascali Maripetro Duci Venet., salutem et apostolicam benedictionem. Hodie, in Dei et Christi nomine, almam Urbem, apostolatus nostri sedem relinquntes, ad Civitatem Mantuanam, locum Dietae indictum, iter dirigimus, persoluturi fidelibus dilectis populis vim patientibus, quantum in nobis erit paternae pietatis et misericordiae debitum. Cum itaque tam ex Ungharia, quam ex locis orientalibus, novae in dies calamitates Christianorum afferantur; nuperque certissimis nunciis acceperimus, Turcas in tota Russia sibi jam receptus parasse, et super Danubium loca quamplurima munita coepisse, ex quibus in Unghariam liberum transitum habeant; quotidie insuper ad pestem nostram majoribus praesidiis insurgere; et, quod dolenter referimus, Peloponesum totum, quam Moream appellant, calamitosis excursionibus pervagatos, multa animarum millia in lachrimabilem servitutem abduxisse: videntes his tantis malis, et quae in futurum majora timenda sunt, non nisi comuni christianorum suffragio posse obviari, atque ad hanc

  1. Soggiunse.
  2. Dietro; e qui ed altrove, per dopo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Annali_veneti_(Malipiero)_1.djvu/62&oldid=61730"