Pagina:Alghe della laguna.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Lavorarò de sera,
Me vogio far perlèra,1
Ma vogio alzar la testa,
28E guai per chi me pesta!
Se no son più sovrana,
Son sempre veneziana,
E se xe andà i anei
32Me resta ancora i dei.

Zogie, corali, smalto
Sta ben a chi xe in alto:
A nu che semo i fioi
36De tanti e tanti eroi,
Ne basta la memoria
Dei secoli de gloria:
E se xe andà i anei,
40Ne resta ancora i dei.

I dei per lavorar,
I dei da rosegar,
I dei per far el pugno
44E romperli sul grugno
De tuti i me nemici,
De tuti i falsi amici....
E vaga pur i anei,
48Pur che ne resta i dei.


5 giugno 1866.

  1. Perlèra: perlaja.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Alghe_della_laguna.djvu/15&oldid=61658"