Le bizzarre, faconde, et ingeniose rime pescatorie/Al magnifico, et generoso conte el sig. Brandolin

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
AL MAGNIFICO, ET GENEROSO CONTE EL SIG. BRANDOLIN
1557
Edission e fonte ▼ SONETTI  →
[p. 3 modifica]
AL MAGNIFICO, ET

GENEROSO CONTE EL SIG.

BRANDOLIN FIOL UNICO

DEL SIG. GUIDO CONTE DELLA

VALLE DE MARIN,


ANDREA CALMO S.


M
i e son pi cha certo si Dio me daga ben all'anema mia, che alla grandezza del vostro sangue, a i meriti del vostro intelletto, e alla bontae del vostro cuor; besognerae alla forma de laude, altro stil limao, e altra piu degna persona, laqual apresso la elegantia del dir con pi dotte, e pi ricche parole, spandesse l'odor, el profumego, e la suavitae di vostri anni ben messi, ma e dirò quello che ho sentio asiando piccolo a rasonar da i nostri vecchi, che tanto fa cavedal, e si apriesia, e anche tien conto una persona [p. 4 modifica]zentil, humana, e amorevole, de una creatura che ghe apdresenta un'ostrega sencieramente, che de un centener de cievali da un che i daga in don per far una boria di fatti soi, zoe per aspettar l'equivalente el contracambio, il regresso della cortesia, chel ga dao, vu mo sieghene securo. A dunca dolcissimo studioso, e zovene fruttuosissimo, e mio amichabile Signor, che de sta mia puoca bassa, e sterile fadiga, destirà fuora della meola, e della raise del tronco della mia naturalitae, infondesta dal benigno Giove, per beneficiarme anche mi de qualcossa al mondo, e ve la don, ve la concedo, e si ve la renoncio, consagrandola dananci de l'altar della vostra fama eterna, azzo che la sia so scudo, so corazzina, e so bastion, da chi la volesse offender, eo massime d'alguni che ghe fa mal le scarpe strette del compagno, che ghe pesa la [p. 5 modifica]vesta d'inverno, e chel Sol ghe scalda l'acqua de instae, qualitae de zente acerbe, crude, e severe, contra la vertue, inimisi capitali del favelar aliegro, del scriver faceto e dell'operar cortese, zeneralmente con tutti, con belle argutie, bei tratti, e belle sutilitae, ditte non fine quare, e con qualche sentimento; e però sti maligni del continuo no fa altro, che parabolanar, e far rasonamenti al vulgo, tanquam Scribi Farisei, e domandeghe puo a lori sil Cielo è azuro, i ve responderà che i no sa la causa, che mai ste bobe no varda in alto, ma sempre sta cazai in fango da porchi, talmente, che per abriviarla, tutte ste sorte de zente, e i sciopetti, le lance, e i archibusi, che da in ti fianchi de i affadigai virtudiosi, vu mo che se commentao dalle Muse, e lavao in Elicona, e vestio da Minerva, ve degnerè, sarè contento, e si ve piaserà, che a sentando [p. 6 modifica]a trombizar fuora de proposito, sti chiachiaroni, de farghe quei rebufi, quei arlassi, e quelle vergogne, che merita la so prosontion, supplicandove a tegnirme in conserva drento el vaso della vostra saviezza, alla qual mansueto, me inchino, con una degna reverentia a hasarghe la suave man, e al Signor vostro pare per mille volte me offerisco esserghe affettionao servo, in ogni tempo, che me sarà concesso la union della mia puoca fattura, Valete.