Le Quatro Stagion Campestri e Citadine/L'Inverno Campestre

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 322 modifica]


L'INVERNO CAMPESTRE.


1Co vedo l'omo nel so bel aspeto
     Pianzer sul mal che i so fradeli agrava,
     Smezzar co lori el pan, la vesta, el leto,
     Difenderlo, scusarlo, e senza bava,
     Senza velen coreger el difeto,
     Contentarlo el capon come la fava;
     Me lo perdoni Idio! no cambiaria
     Co un genio celestial la sorte mia:
2Ma co a la mente me presento st'omo,
     E pien de ingani e de malizia el vedo
     De la natura sbregar suso el tomo.
     Far che doveri e norme e legi e credo
     Deti amor proprio, e con ingano somo
     Robar, scanar, e far morir da fredo,
     Vorave aver chiuchià da un orsa el late,
     E andar, Dio mel perdoni, in quatro zate
3In tempi cussì tristi, che za folta
     Xe la zente e corota, e dove scorla
     La fiacola infernal discordia stolta,
     Dove ambizion, e ipocrisia sa torla
     Per so compagna, e va con ela in volta;
     Dove calunia acuse ingropa e incorla,
     (Che cussì xe in cità) soto qual vista
     Lo vedio mai! solo el pensier me atrista.
4Xe per questo che in mezzo a le montagne
     Dal mondo slontanà, squasi romito,
     Passo tranquili i zorni in ste campagne,
     E più el vilan, che 'l citadin, imito:
     Vedo natura, e ne le so scondagne
     Cerco de penetrar, ma no me irito
     Se un velo me nasconde i so portenti:
     Fazzo dei versi, e passo i dì contenti.
5Ma i dì xe curti e tristi, el sol ne manca,
     Xe muti i prai, xe la campagna morta,
     Sbrufa le bore, i giazzi el monte imbianca,
     La neve de la vale xe a la porta;
     Za za la fioca, za la tera è bianca,
     Se ferma i fiumi, o in giazzo i se trasporta,
     Cessa nei corpi el moto, e tuto indura,
     Nè par ch'abia più vita la natura.

6Par che più vita no la gabia, e vero,
     A l'omo che no è fato per amarla.
     Ma quel che l'ama con un cuor sincero
     Anca nel so riposo el sa trovarla
     Sempre l'istessa a esercitar l'impero;
     Elo la vede in tuto, e la ghe parla
     Nei venti, ne la neve, e ne la piova,
     E forsi assae più granda el la ritrova:
7Gh'è cossa che sia egual, maestoso inverno,
     Al lusente vestiario, a la bianchezza
     Che covre de la tera el velo esterno?
     La nostra vita, non ancora avezza,
     Esita de mandar al senso interno
     Sto novo to splendor, e la belezza
     Dei to cristali; intanto el sol radopia,
     E l'iride del ciel in tera el copia.
8Qua solitaria a cantuzzar se sente
     La passareta, che à trovà sgrafando
     Qualche granelo che à lassà la zente;
     Là i colpi el contadin va radopiando
     Sul rovere che crola, e finalmente
     Se vede a tera el tronco venerando,
     Che serve al fio de fogo, e un tempo el pare
     Avea coverto da fresch'ombre e care.
9La bora ruza, e 'l bosco la traversa,
     E za la ingoba i più robusti pini;
     Sentì a zemer la pianta, che roversa
     La neve adosso ai picoli piantini,
     E quei la so figura à squasi persa,
     Pur vedè fra la neve al par dei spini
     Le fogete a sbusar, che mai no i perde:
     E missiar quel bel bianco al più bel verde!
10Ma el sol se mostra, e in mezzo a quel boscheto
     De frassini sfogiai scherza el so ragio:
     Fornii xe i rami d'un cristal perfeto,
     Ch'ora par fato a torno, ora d'intagio,
     Che va sempre cambiando in vario aspeto,
     E se de fogo li fornisce el magio,
     Se primavera li fa alora bei,
     Più maestosi l'inverno i xe de quei.
11In mezzo de la vila a un largo fosso,
     Che l'istà serve a imbeverar le armente,
     Più de cento puteli vedè adosso,
     Sbrissar sul giazzo, urtarse e darse spente,
     E far scurzi e cascar, e a più no posso
     Rider fra lori, e far rider la zente;
     Altri za strachi, e fati un po più savi,
     Se fa un fogheto, e se cusina i ravi.

[p. 323 modifica]

12Ma dove che la strada a passo a passo
     Porta inclinando al pie de la colina
     Vedè i putoti a trar l'acqua sul sasso,
     Che deventa una lastra cristalina,
     E con inzegno sbrissar zoso a basso,
     Facendo sesti a Menega, a Catina,
     Che ghe soride, e sta vardando atente,
     E de no far l'istesso le se pente.
13Oh! come in mezzo a st'inocenti zoghi,
     Come che scampa l'ore, o avanza bruna
     La note in cielo! come in cento loghi
     Fuma i camini, e l'aria più se imbruna!
     Xe le famegie tute atorno ai foghi,
     Quel missia la polenta, e quelo suna
     Le fregole che casca, e tuti aspeta
     De dar l'assalto a la più bela feta.
14L'ora e 'l silenzio al mio camin me chiama,
     Dove me impizza el fogo la gastalda:
     Più benigno calor, più bela fiama
     Dei camineti de cità ne scalda:
     Co do tre amici, e co chi el cuor me infiama,
     Formemo un cerchio atorno, e sempre calda
     Xe la conversazion, nè mai noiosa
     Co gh'è dei amici, un fogo e la morosa.
15La maldicenza, o 'l perfido soriso,
     Mai no ga cuor de comparirne avanti,
     Ma ingenuità, amicizia e scherzo e riso,
     Del rustico camin za solo amanti.
     O vin recente che ve spruzza in viso,
     O romatico, o dolce, a tuti quanti
     Nina dispensa, e crostoli e pan fresco,
     Maroni e pomi, e questo xe el rinfresco.
16La vila nel silenzio xe sepolta,
     E solo in stala el pulierin se sente
     Nitrir scorlando la criniera folta,
     Che la vogia del fien rende impaziente,
     Le zampe el sbate, e pur nissun l'ascolta,
     Ma sbragia el can, credendo che sia zente,
     E alora dal filò qualcun vien fora,
     E quieta el can, e varda in cielo l'ora.
17Xe nei filò le done de la vila,
     E i puti e le regazze unite insieme,
     Al caldo de la stala ognuna fila,
     E i puti a le regazze che ghe preme
     Ghe fa roche e cesteli; ora ghe brila
     Amor nel viso, ora i sospira e i zeme;
     Istorie, o fiabe, le più vechie conta,
     O dove la Versiera vive sconta.

18Fa sti filò che in mascara se rida
     Co Nina mia, co Nina dal cuor belo,
     Che ste regazze a cantuzzar la sfida;
     Ma la luna, che brila in mezzo al cielo,
     I nostri passi temerari invida
     A l'aria averta disprezzando el gelo,
     E al lume dei so ragi la belezza
     Se contempla dei cicli e la grandezza:
19Ah! che stacarse l'ochio mio no possa,
     No possa mai de contemplarve, o cieli!
     Ghe xe teatri al mondo, ghe xe cossa,
     Che sia come sè vu maestosi e beli?
     Quel'anima brutal, che no vien scossa
     A un spetacolo tal, coi pipistreli,
     Coi tassi, co le talpe e le marmote,
     Viva a palpon ne la più negra note.
20Vogia el destin che st'umile caseta,
     Sti campi, e la mia Nina no me manchi;
     Me sarà ogni stagion cara e dileta,
     Che nassa i fiori, o che '1 teren se imbianchi,
     L'istesso inverno, che spaventa e inquieta
     Quei che vive in cità, co amor ai fianchi
     De un nodo autor, che sto mio cuor no acusa,
     Saludarà contenta la mia musa.
21Oh co quanta dolcezza i zorni e l'ore
     Ne passa insieme! e l'ale amor ghe impresta,
     Ne vede el sol, e 'l gode, e in mar el core,
     Ma la note vien drio, la note resta:
     Che se al to aspeto el nostro mondo more,
     E xe natura scolorida e mesta;
     Oh note dei amanti confidente,
     Ti ne xe cara, e te godemo arente.
22Cara in quel'ore che lavora Nina,
     E i bei dei sul laorier presti la move,
     Co interompe el lavoro un'ochiadina
     Che tuta dolce sin al sen ne piove,
     E quando un'amorosa canzoncina,
     In ton la canta, che 'l mio cuor comove,
     E co amor sconto in la so bruna vesta
     Ore più dolci ai nostri afeti impresta:
23Ore più dolci, e cresemae da un nodo
     Tessuo da amor, ma che l'onor no sdegna,
     Che durarà tra nu costante e sodo
     Insin che morte a romperlo no vegna;
     Sì, più che t'amo, o Nina, e più m'inodo,
     E sempre più d'amor te trovo degna,
     Nè xe a maravegiarse; amor t'à fato
     Per far, col te cognosce, ognun beato.

[p. 324 modifica]

24Al mio ritiro società no manca,
     Picola in vero, ma genial, ma rara,
     Nissun sbadagia mai, nissun se stanca;
     Se ragiona, se canta, se prepara
     Qualch'ino a la virtù, che 'l cuor rinfranca,
     A l'amor dolce, a l'amicizia cara;
     E se nevega, o supia tramontana,
     Se magna insieme al fogo, e se tracana:
25Se un amigo lontan in sto mumento
     Amicizia conduse, e porta e spenze,
     Se fa una festa co l'ariva drento,
     Chi lo chiapa, chi 'l basa, e chi lo strenze,
     Chi ghe scorla la neve, e chi contento
     El caso sul camin scrive o depenze,
     E Nina cria, che la vol logo anch'ela
     Per farghe ciera, e la se fa più bela.
26Vegna pur zorni tristi, e 'l sol ne manchi
     Sia muti i prai, sia le campagne morte,
     Sbrufi la bora, e che 'l teren s'imbianchi,
     Purchè no arivi a penetrar ste porte,
     E a profanarne sti onorati banchi,
     Zente stolida, o trista, un'altra sorte
     No vorò mai dal ciel col me destina
     Sti amici, sti campeti, e la mia Nina.