La canson dela Primavera

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
La canson dela Primavera
1900
Edission e fonte ▼

Primavera, ocieti grisi
come usertole sul muro,
gran busie che te me disi,
4gran canaia che te sì...

Gh'è i putei che i vien çercandote,
ma ti, furba, te i confondi
e le viole te le scondi
8per tegnertele par ti!

Primavera, così siora
così bianca, come feto
a levarte su bon'ora
12co sto fresci a girondar?

Mi, camino sora i àlsari,
dove gh'è i osei che siga,
a insegnarghe con fadiga
16la maniera de sgolar!

Primavera, come feto,
così bianca, così siora,
a levarte su dal leto
20quando tuti i sta a dormir?

Mi, camino sora i àlsari
dove sbocia qualche fiora,
per giutarla a vegnèr fora,
24par no vèdarla a patir!

Primavera, çento basi
te voi dar su la manina;
dirte quanto te me piasi,
28proprio dirtelo non so...

Ma in campagna soto ai àlbari
che ne i fossi zo se specia,
«bisi, bisi» in te 'na recia,
32primavera te 'l dirò...

Pian pianin che nissun senta,
voi contarte le passione,
che da un toco me tormenta,
36che me lagrima sul cor...

E in campagna, soto ai àlbari,
tra i formenti ancora in fasse,
dimandarte quella passe
40che me incanta sto dolor.

çercarò soto l'ombria
de le foie che se sveia,
çercarò la poesia
44da indolçirme sto figà...

E scrivendose le lètare
sora ale de poeia,
pianteremo una fameia
48su do pèrteghe de prà!