L'ultima leva

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
CONGEDO — L'ULTIMA LEVA
1922
←  El Bartoldo Edission e fonte ▼
[p. 203 modifica]
CONGEDO
[p. 204 modifica] [p. 205 modifica]



L'ULTIMA LEVA


Passarà i ani e frusto l'oroloio,
vegnarà anca par mi quel çerto giorno
che marciarò al Ricovaro, al contorno
4de quei lumini che no g'à più oio;

Ociai sul naso, lesarò sul sfoio,
tabacando a la scatola de corno,
co i oci bisi che se guarda intorno,
8sempre in sospeto de un qualunque imbroio...

Passarà i ani, e co la man che trema,
saludando i più veci che va via,
11sensa un ricordo, sensa una bastiema,

Me sentarò su le me quatro asse,
aspetando, all'introl1 de l'agonia,
14che i ciama soto quei de la me classe!



Note a cura de l'autor
  1. introl: vicolo chiuso.