Il Naso di Tomaso Tartagia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il Naso di Tomaso Tartagia
1823
←  Satira al Co. Rizzo Patarol Edission e fonte ▼ Madrigale per Batagia  →
[p. 191 modifica]
NOTA PRELIMINARE


S'onora in questa composizione un certo Tartaglia caduto gravemente ammalato dal Tifo, e rimesso con la comune esultanza di molti poeti suoi amici che si unirono all'Osteria del Pellegrino per festeggiarlo. Io fui del numero, e per non far torto al mio genere presi di mira il suo naso come uno dei più classici ai nostri giorni, e come non equivoco segnale dello straordinario suo valore nei cimenti amorosi, tanto più che lo sapeva legato con bella donna, che durante la burrasca non si tolse mai dal suo letto, conscia che non era così facile il riparare la perdita di un tanto naso.


A TOMMASO TARTAGLIA


Noscitur a naso
Quanta sit asta viri

Fin dal tempo dei latini
     S'à capio, caro Tomaso,
     Che de cazzi peregrini
     Xè una spia sicura el naso.
E la dona de coltura
     Co la scorta de sta tatica
     Gà del membro la misura
     Prima zà de darghe pratica.
Da sto assioma cardinal
     Ghe ne vien per conseguenza
     Ch'esser deve arcibestial
     De quel cosso l'ecelenza,

[p. 192 modifica]

Ne l'amigo che qua in ziro
     Celebrar ancuo se vol
     Ecitai dal caro Spiro
     Che à cantà da russignol.
Ch'el sia un naso rispetabile
     Quel che mostra el mio Tartagia
     No l'è fato contrastabile
     Lo pol dir tuta sta fragia:
Egual sì, ma no più belo
     Per chi cerca el paragon
     Sarà sta ai so tempi quelo
     Del patetico Nason.
O nei secoli più indrio
     Co se usava spada e pica
     El gran naso impofardio
     De Scipion chiamà Nasica.
La delizia de le done
     Xè per questo el mio Tomaso,
     Strada averta ne le mone
     Lu se fa per quel bel naso,
Naso degno de ritrato,
     Naso degno de medagia,
     A la gloria proprio nato
     Xè el gran naso de Tartagia,
Vardè come neto in boca
     El ghe pissa, anzi el ghe piove,
     Vera efigie a chi lo toca
     De l'oselo caro a Giove.
Vogio dir de quel becazzo
     Che gà l'aquila per naso,
     E che spia d'un egual cazzo
     Xé in natura per Tomaso.

[p. 193 modifica]

E sto mobile magnifico
     (Co ghe penso ancora fifo)
     Tanto d'Omeni prolifico
     Portar via voleva el tifo?
E su l'onda iremeabile
     Consegnar in brazzo a l'orco
     Naso tanto cal[..]abile
     Come un vil naso da porco?
Ma un'amabile doneta
     Tanto à dito e tanto à fato
     Che de morte la saeta
     A lassà quel naso intato.
Sgrendenada, desperada
     Co una ciera da caileto
     Su Tartagia destirada
     La zigava dal soleto.
„ Naso caro, naso belo,
     „ (Per un'anima che sente)
     „ Donca xè deciso in cielo
     „ Che te perda eternamente?
„ Che sta strazza de garofolo
     „ Che me costa tanti guai
     „ Vada presto a San Cristofolo
     „ A far tera da bocai?
„ Prevedendo le bravae
     „ De sto naso da strapazzo
     „ O scartà dei nasi assae
     „ Per cavarmelo dal mazzo.
„ Ogni dona me invidiava,
     „ E parlando de Tomaso
     „ Ogni dona replicava:
     „ Che bel omo! che bel naso?

[p. 194 modifica]

„ Se te perdo son risolta
     „ Dago ai nasi eterno bando
     „ Che per quanto andasse in volta
     „ No me imbato in un più grando.
„ Mi te cocolo, mi te baso
     „ Mi te scaldo col mio fià
     „ E ti invece caro naso
     „ Ti te giazzi sfigurà!
„ Oh Dio! naso... ti me mor....
     „ No ti senti... più la man...
     „ La man cara... de l'amor...
     „ Molo più del marzapan!
„ O deciso, naso mio,
     „ E son dona de parola,
     „ Se ti mor te vegno drio,
     „ Con ti vogio un'urna sola.„
Ma la Dea mare d'Amor,
     Che no sconde mai la figa,
     S'à sentio comossa el cuor
     Dai lamenti de l'amiga.
E capindo là dal cielo
     Che el vocabolo in funzion
     Xè sinonimo d'oselo
     Gà dà al tifo un scopazon.
Perchè in barba de la morte
     Possa ancora el mio Tomaso
     A una bela de sta sorte
     Fedelmente dar de naso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_Naso_di_Tomaso_Tartagia&oldid=58390"