I re senza testa

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
XVI. I re senza testa
(fiaba)
1892
←  XV. Lontananza Edission e fonte ▼ XVII. A Nerina  →
[p. 188 modifica]
XVI.


I RE SENZA TESTA1

(FIABA)


'Na volta ghe zera
(La fiaba xe questa
Dei re senza testa)
4Tre tochi de piera.

'Na maga un bel dì
Ghe dise: "I miracoli
No calcola ostacoli,
8Fidève de mi."

[p. 189 modifica]


E pian, una note,
(Le maghe co pol
Fa senza del sol)
12La va co' una bote,

La parla col çielo,
La imbota i tre sassi,
La fa quatro passi,
16La to un martelo,

La bate per trenta
Tre volte la tera,
I tochi de piera
20De carne deventa.

De sassi in persone
Cambiai come gnente,
La maga sapiente
24Ghe dà tre corone,

Disendoghe: "Andè,
Ch'el mondo xe grando,
Zirè domandando,
28Chi vol i tre re."

Camina, camina,
Per monte, in pianura,
Nissun se ne cura,
32Nissun li aviçina,

[p. 190 modifica]


Ma un vecio un bel dì
Ghe dise: "I miracoli
No calcola ostacoli,
36Fidève de mi."

El fa col baston
Tre segni, el li toca,
El move la boca,
40El parla in scondon,

E un poco ala volta,
Oh gran maravegia!
Se verze una regia
44Che stava sepolta.

La regia xe piena
De zente che ziga,
Che strussia, che briga,
48Che gode, che pena.

Un popolo gh'è,
Che in gran movimento
Aspeta el momento
52De vèdar i re.

I re se aviçina
Co' in man le corone,
E mile persone
56Li onora, li inchina.

[p. 191 modifica]


Regnar in quel regno
Feliçi i se crede,
Nè el tiro i prevede
60De un omo de inzegno.

El qual, bruto afar!
Vedendoli in gloria,
La fresca so storia,
64Se mete a çercar.

Pensève che spassi
Co 'l mago ghe insegna
Che i capi che regna
68No xe che tre sassi.

Co 'l mago, comosso
Da l'arte oratoria,
Ghe dise: "La boria
72Destruser ghe posso."

E là su do piè,
Tre segni per tera...
Ghe torna de piera
76La testa dei re.

El popolo ziga:
"Se fassa la festa
Ai re senza testa,
80Ch'el trono ne intriga."

[p. 192 modifica]


Ma l'omo de inzegno
Responde: "Lassèli,
Che re cussì beli,
84No gh'è in nissun regno."

Che i resta, che i resta,
Scolté el mio consegio,
Che gnente val megio
88Dei re senza testa.



Note a cura de l'autor
  1. Questa fiaba venne scritta in risposta a villani attacchi di una grave rivista storica (l'Archivio Veneto), diretta a quel tempo da tre signori gravissimi, pieni di regale ambagia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_re_senza_testa&oldid=49109"