I cavei de Nina/Prefazione

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 7 modifica]
PREFAZIONE


Ve farà fursi stupir, che ghe sia stà chi à bu cuor de far un centener de Soneti s'un sogeto che a prima vista par da gnente e fa da ridere, ma co pensarè che Amor gh'à messo del soo cessarà le maravegie. Tuti sa che Amor ghe ne sa far de bele, e se tiol el spasso de incaenar i cuori sensibili per mile versi a le volte i più stravaganti. L'Autor de sti Soneti xe stà chiapà in rede da Amor coi Cavei de Nina, e lu toto in lode de sti soli Cavei à volesto sfogar el so inzegno. Bisogna dir de posta che i abia fato un gran colpo, e una gran impression nel so cuor; perchè me par impossibile che un chimerico caprizio avesse podesto darghe quel'anema, svegiarghe quel'idee e sugerirghe quel'espression che lezerè, e che per el più [p. 8 modifica]no vien fuora che da quei cuori che xe in passion, e che la sente assae. Chi conosse cossa sia un'anema inamorada dirà che ò rason, e no farà riflesso a certe espression e iperbole che ghe podesse mai parer tropo ardite e tropo avanzade, e che no ga da far senso in boca de un Poeta. Pecà, che i studj più serj nei quali l'Autor tuto se ocupa al dì d'ancuo con so profito e onor, no ghe lassa libertà de tender la Poesia! Fursi fursi nei so versi se ghe trovarave qualche novità, come ghe n'ò trovà anca in altre so cosse serie che 'l m'à amichevolmente comunicade. Pol servir de una picola prova l'argomento istesso de sti Soneti che ve presento. Questi no xe una produzion che se pol dir foresta in maschera da Veneziana, ma una produzion che se pol dir soa propria e nazional. No ve spetè che parla dei so pregi e del so merito, perchè da vu stessi savarè conosser quei, e a vu soli toca a decider de st'altro; dirò solamente, che se vede schieto che l'Autor à tentà de far qualcossa de original in sto genere. [p. 9 modifica]Se 'l ghe sia riussio o no, anca de questo deciderè vu altri; l'azardo solo merita però qualche lode, e xe certo più da stimar chi se azarda a dar qualcossa de original de chi se perde drio a le traduzion. No so capirla (me diseva un dì su sto proposito l'Autor) non so capirla come al dì d'ancuo sti nostri leterati Italiani sia deventai cussì vili, che o i se perde a scriver preceti, o a far traduzion. Cossa serve i preceti in bele letere? O gnente, o poco. Letura scielta de boni autori, testa quadra, e basta: ma co' no la xe stà donà da la Natura xe inutili tuti i preceti. Pazienza se sti Precetisti andasse almanco d'acordo! i se contradise anzi fra de eli più dei sistemi dei filosofi, nè se sa come far a risolverse a giudicar chi insegna megio in materia de gusto; mo no sarave megio che i studiasse de darne un esemplar, che questo sarave el preceto dei preceti? Se parlemo po de le Traduzion, generalmente parlando mi digo, che le serve de ostacolo ai progressi del spirito, e l'abuso che ghe ne [p. 10 modifica]fa al dì d'ancuo l'Italia ghe tira adosso con gran rason i rimproveri de le Nazion forestiere. Dio vogia che la 'l capissa una volta, e che la se corega! Lodo nonostante qualche Traduzion dei capi d'opera, ma no lodo quel tradur de tuto senza badar per tuti i so versi a quel benedeto deceat an non, e molto manco quel alzar a le stele in ogni incontro e senza nissuna destinzion ogni e qualunque opera foresta. Ma su sto proposito el m'à dito tante altre belle cosse, e tante altre verità, che se no 'l fusse me amigo (perchè questa sarave la maniera de renderlo odioso) le vorave publicar: ma essendo lu de un caratere che merita tut'altro, tagio sto discorso, e torno ai Soneti. L'Autor se li gera scordai afato, e come lizieresse de zoventù li avea butai in t'un canton, e ò dovesto far forza a cavarghe sti pochi da le man per presentarveli. Lezè intanto questi, che se zonzerò a saver che i ve piasa, come spero, vardarò per devertirve de cavarghene dei altri che za su sto istesso argomento, [p. 11 modifica]e in sto istesso grazioso dialeto che al dì d'ancuo torna in voga, el ghe n'à fatto un numero stragrando. Conservève. Adìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_cavei_de_Nina/Prefazione&oldid=70254"