Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 39 modifica]A dì quatordexe, (quel de sora si vuol dir a dì tredexe), sì che in questo zorno de quatordexe de mazo a l'ora de terza, el signor turco si fexe despiantar le bombarde, che iera stade messe de sora el monte de Pera, le qual d'agnora bombardava la nostra armada; le piere che trè queste bombarde in l'armada nostra le fo contade, e fo piere duxento e dodexe, e tute de pexo da livre duxento in suxo l'una; e da [p. 40 modifica]posa che i ave cavà queste bombarde del monte de Pera, i le mise a una ponta che vignia a bombardar una porta, la qual se chiama el Chinigo, uno luogo che son verso el palazo del serenisimo imperador, e lì questi turchi ne tré una gran quantitade de bombarde, e mai non potè far niuna cosa de mal, e da posa1 queste bombarde le tirò via de quela ponta, e misele a le mure de la tera apresso de le altre, a bombardar la zitade, a san Romano, dove che iera el più debele luogo de la tera, e dì e note, mai queste bombarde non refiniva de trà in queste puovere muraie, d'agnora butando asai mure per tera, e nui de la tera d'agnora dì e note fazando de boni repari, dove che iera roto le mure, con botami, e brusca, e teren, et altre cose nezesarie a quela cosa, per muodo che el iera cusì forte come quaxi da prima, per muodo che per quel romper non aveemo paura de lor turchi. Ma a quela porta che iera più rota cha le altre, nui avevemo messo per bon secorso de quel luogo homeni trexento ben in ordene de tute sue armadure, i qual homeni tuti si iera forestieri, e non griego niuno, per esser lor griexi vil d'anemo, e questi trexento homeni si i avea apresso de si2 de bone bombarde, e de boni scopeti, e balestre asai e d'altre cose per questo fatto. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. quindi.
  2. di sè.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/32&oldid=41762"