El fazzoleton

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Edission e fonte ▼
[p. 38 modifica]
EL FAZZOLETON.


1.


Maschere senza maschera,
Che nel mistero del fazzoleton1
Andè sempre la sera torziolon2
Con un ocio che cuca3 fra le pieghe
5Del sial che ve coverzi4 tute quante
Dala testa ai zenoci;5
Disème, via, quei oci
Cossa mai zerca? cossa mai mulina
Quela man, qualche volta una manina,
10Che se movi nervosa
Soto la lana del fazzoleton
E che par spaurosa
De vignir fora, perchè qualche anel
Podaria, sul più bel,
15Tradirve, far saltar ala memoria
Tuta quanta la storia
Che portè in fondo al peto!
Forsi un amor segreto,
O una storia de ieri
20Co i suoi mati misteri?

[p. 39 modifica]

Maschere senza maschera,
No solo in carneval ne spuntè fora,
Ve vedo anche in quaresima,
Col fredo, cola piova, cola bora.
25E fra i tanti che passa e no rifleti
Ai drami dele strade,
Ghe xe quei che ve meti
Fra le più svergognade. -
Ma no! la dona del fazzoleton
30No xe l'aventuriera
Che se remena6 sempre torziolon
A San Bastian o drio dela Bariera!7
Co la bati sui vetri de un cafè
E la fa bazilar8 quei che xe drento,
35In quel bater ghe xe
Forsi la poesia de un sentimento...
Forsi xe una morosa
Dal cor tenero e bon
Ma pien de gelosia,
40Che lesta, de scondon,9
La ga robà la ciave del porton
Per corer svelta in strada a far la spia
Se el su' amante ziveta
Con qualche smorfioseta;
45E qualche volta - afar anche più serio -
Scopri el fazzoleton
I fili al adulterio.

[p. 40 modifica]


2.


Eco. Un omo sgambeta in t'una strada
Pitosto lontaneta e solitaria.
Sufia la bora, e lu no 'l senti l'aria
4Fresca. Xe piova; e lu gnanca no 'l bada.

El xe un marì che fa la scapuzzada.10
El pan de casa stufa; e se no 'l varia,
Sta bestia-omo, porco e pien de aria,
8Ghe par de aver la zata11 incadenada.

— El fila svelto e no 'l suponi gnanca
Che drio, in fazzoleton, la molie trota,
11Tuta in smanie, nervosa, bianca, bianca...

Scondi 'l fazzoleton sospiri e pianti,
El sòfiga i sussulti de la fota...
14Piovi... xe bora... fredo... Avanti! Avanti!

[p. 41 modifica]


* * *


El xe arivà... el se ferma... Dunque là
Drio 'l casel del tranvài l'apuntamento!
El guarda l'orologio... El speta... ah ah!
18Per ela el ga pazienza, sacramento!

A casa, no. Pel pranzo, se un momento
Se intardiga la pasta...12 el ziga, el fa
Sene de inferno; ma per ela, qua,
22Spetar, col fredo, el xe un divertimento.

Dio! che no la vegnissi quela bruta...
Che per mi la fazzessi la vendeta!...
25Speta! sì, speta! La ghe vol ben tuta!

No... la xe qua... Ma no! el se ga sbaliado!
No la xe ela... Ah! st'altra! maledeta!
28La devi pur saver che 'l xe sposado.-

[p. 42 modifica]


* * *


- Xe dunque vero quel che siora Rosa
Me ga dito de lu, bruta canaia!
Mi no credevo che cola marmaia
De fioi,13 32se pol pensar ala morosa.

El me fazzeva el santo!... e la fritaia
El preparava!...14 E quela stomigosa
No la fazzeva miga la smorfiosa...
36Vardèla là tuta bulota e sgaia!15

Ma mi, perdio, ghe cambio i conotati;
Mi co ste man ghe refo el capelin.16
39Ciàcole?17 ghe vol altro! ghe vol fati!

Òla! che nova là, crature bele,
Che caminè sperando in tel destin!
42Qua sto fazzoleton ve fa la pele!18

[p. 43 modifica]


* * *


— Son mi, son proprio mi! No me spetavi,
Cari colombi che disè el rosario!
Preghè ben tuti i santi del lunario
46Per la vostra salvezza!... Ah! bravi! bravi!

Bruto bugiardo! Te me denegavi19
De aver morose! In tuto 'l dizionario
No se trova parole!... El calendario
50No ga nomi per ti!... Te brontolavi

Co te fazzevo sene! Bruto infame!
E ti, ziveta, impara con ste sberle,20
53Con sti gropi in quei oci sgarbelai,21

Che se d'amor, biondina, te ga fame,
Va coi puti, de sera, a... inpirar perle22
56E lassa in pase i omini sposai! —

[p. 44 modifica]


* * *


E svola s'ciafe23 che le par tempesta,
Rodola24 un capelin soto la piova,
Va in aria i cristi, sventola i che nova?
60E se scadena i gropi sula testa.

Parolete de fogo salta e sbrova,25
(Lingua italiana che la par foresta),
E le done se pètena la cresta,26
64E l'omo, in mezo, inbanbinì27 el se trova.

Ridoto in tochi, distirà nel plocio,28
El gran fazzoleton scondimiserie,29
67Ormai el dormi là, molà per ocio.30

La morosa va via, pesta e sgrafada,
E lu se speta, a casa, robe serie...
70Sburtandose e rugnando31 i fa la strada.

[p. 45 modifica]


3.


— El sial in testa e una cratura32 in brazzo
(Cratura insonolida33 e magrolina)
A mezanote, a un'ora de matina
La va in giro, sfidando e bora e iazzo.

Soto 'l fazzoleton vedo el tremazzo34
Dela doneta e dela putelina.
Su per la via Farneto35 la camina...
Passa una guardia ― un sior ― Passa un paiazzo

Che torna dal velion. Tuti la guarda
E i se domanda: Cossa la mulina36
Con quel sial a sta ora cussì tarda?

La se ferma davanti un'osteria...
La sta scoltar.. la movi la coltrina...
I canta... El xe... No 'l xe.. No... La va via.

[p. 46 modifica]


* * *


E la va avanti ancora. Un'altra porta...
E la se ferma: forsi qua... No... gnanca.
Quante osterie! Madona! E straca morta
La marcia ancora sula strada bianca.

Gesù santo! Maria! Tuto ne manca;
Ma lu no 'l vol lassar la vita storta:
No 'l pensa gnente: Me ne son acorta!
E no 'l xe gnanca qua... Voltèmo a zanca!37

Qua se senti cantar! Tuti inbalai!38
La su vose! El xe lu! Savevo ben!
Fora de casa i bezzi39 el sa trovar

Per andar nele bètole a fraiar,40
A bever quel vinàz41 che xe velen...
E sta vitazza no 'l finissi mai! —

[p. 47 modifica]
* * *


― Toni! vien qua, Tonin! ― Ciò i te domanda.
Una dona te zerca! ― Una morosa! ―
E lu, imbriago, col capel in banda,42
Fora da quela tana stomigosa,43

El ghe va incontro, e 'l fa: ― Ma chi te manda
Bruta cagna de dio, bruta smorfiosa?!
― Ah la pazienza mia. Toni, xe granda,
Ma no posso resister, son furiosa!

Xe ogni note sta vita... Mi son stufa.
Stufa de ti, del mondo, del destin
Che me ga fato nasser disgraziada! ―

― Baba!44 te vol star zita? ― E i fa barufa;
E zo piade e sberle! E zo un papin!45
E la gente se ingruma su la strada.46

[p. 48 modifica]


* * *


― Oè! no ve vergognè, bruto viliaco,
Bastonar vostra molie in sta magnera?
Finìla, bestia! che ve daga un fraco47
De ricordarlo fin doman de sera.

― Òla! che nova là? No, sior macaco,
Se mio marì con mi 'l vol far la guera,
El pol anca pestarme soto 'l taco,
Anca coparme a colpi de manèra,48

No voio che nissun ghe daghi adosso,
Che nissun me lo trati de viliaco,
No go bisogno dei scartozzi.49 Posso

Anca vèderme in fera distirada,
Tajada a fete... E lei, corpo de Baco,
El fili drito via per la sua strada!

[p. 49 modifica]


4.


Povero fazzoleto nero e sbriso!50
Vardè! la xe cussì sempre la dona,
La difendi la man che la bastona,
Chi la protegi, la ghe volta el viso.

Oh se un fazzoleton va in paradiso,
I angioli tuti ghe farà corona!
I ghe farà picar tuto 'l saliso51
E fodrarghe de raso la poltrona.

Là tuti i patimenti el scontaria
E le strussie e le sberle e la passion
E i morsigoni dela gelosia...

I lo metaria in sfasa52 nel Eliso,
Disendo: Gloria a ti fazzoleton!
Povero fazzoleto nero e sbriso!




Note
  1. el fazzoleton, è uno scialle ampio che può coprire tutta la persona
  2. torziolon, girelloni
  3. cuca, guata, origlia, fa capolino
  4. sial che ve coverzi, lo scialle che vi copre
  5. zenoci, ginocchi
  6. che se remena, che si aggira senza meta
  7. a San Bastian o drio dela Barriera, contrade ove si aggirano, a sera tarda, le farfalline
  8. la fa bazilar, fa ammattire
  9. de scondon, di soppiatto.
  10. la scapuzzada, la scappatella
  11. zata, la zampa.
  12. se intardiga la pasta, se la pasta ritarda di comparire in tavola.
  13. la marmaia de fioi, tutta la marmaglia dei bambini
  14. La fritaia el preparava, mi preparava la frittata, cioè me la faceva in barba
  15. tuta bulota e sgaia, tutta disinvolta e arzilla
  16. Ghe refo el capelin, le racconcio il cappellino
  17. ciàcole, chiacchiere
  18. far la pele, fare un colpo, e anche finirla con uno, cioè ucciderlo.
  19. te me denegavi, mi negavi; denegar, è dialetto basso per negare, allo stesso modo che disposar, per sposare, deliberado per liberato, ecc.
  20. sberle, schiaffi
  21. gropi, pugni, oci sgarbelai, occhi scerpellati
  22. va coi puti a inpirar perle, va pure coi giovanotti a infilar perle del rosario, naturalmente qui in senso ironico.
  23. s'ciafe, schiaffi
  24. ròdola, rotola
  25. salta e sbrova, saltano e bruciano
  26. se pètena la cresta, si acciuffano
  27. inbanbinì, rimbambito, instupidito, ingrullito
  28. ridoto in tochi, distirà nel plocio, ridotto a brandelli, disteso nella pozzanghera
  29. scondimiserie, celamiserie, perchè copre tutta la persona
  30. molà per ocio, abbandonato
  31. sburtandose e rugnando, spingendosi e borbottando.
  32. una cratura, un bambino
  33. insonolida, assonnata
  34. el tremazzo, il tremito
  35. via Farneto (ora via della Ginnastica), strada di Trieste ove ci sono parecchie osterie
  36. cossa la mulina?, che cosa mai va macchinando o preparando?
  37. a zanca, a sinistra
  38. tuti inbalai!, tutti ubbriachi
  39. i bezzi, i quattrini
  40. fraiar, gozzovigliare
  41. vinàz, vinaccio (Caratteristica è nel dialetto triestino più plebeo la desinenza del peggiorativo tronco, in àz: vinàz, ontàz, mulàz, giornalàz, per dire vinaccio, omaccio, monellaccio, giornalaccio, ecc).
  42. capel in banda, cappello sulle ventitrè
  43. stomigosa, stomachevole
  44. Baba!, donna, moglie. Qui in dialetto piuttosto dispregiativo, con la rozzezza degli ubbriachi
  45. piade, calci, papin, scapellotto. Il dialetto triestino ha una singolare ricchezza di vocaboli per indicare le varie forme di percosse, di schiaffi, pugni ecc. s'ciafo, sberla, scopeloto, papin, pugno, gropo, susin, rognolada, capelada... ed altri ancora.
  46. se ingruma, si raccoglie.
  47. un fraco, un fracco, un sacco di legnate
  48. manèra, mannaia
  49. scartozzi, ganimedi, vagheggini.
  50. sbriso, miseruccio, tritino, modesto
  51. ghe farà picar tuto 'l saliso, gli faranno picchiettare a nuovo tutto il selciato
  52. sfasa, cornice.