El capouffizio

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
El capouffizio
XIX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 19 modifica]
EL CAPOUFFIZIO.

No sò più cossa dir, sior Podestà;
La spudi fora che la ga ragion:
Qua xe una vera Babilonia, qua
Se ghe rimeti un'ala de polmon;
E no ga torto ste carogne quando
6I scrivi che magnemo el pan de bando.1

Mi, pover'omo, vegno la matina,
Squasi diria co la marenda in gola,
A destrigarme più d'una dozina
De carte che me speta su la tola;
Ma se ciamo Sempronio o Cajo o Tizio,
12Sia maladeto quel che xe in ufizio.

Chi vien zo de Rojan, chi del Boscheto,
Chi ga la gota, chi ga ciolto l'ojo,2
Chi la parona3 co la panza in leto,
Chi ghe se incanta o no ga più l'orlojo;
Sichè d'un regimento d'impiegai
18No go nè tamburini nè soldai.

[p. 20 modifica]


Co Dio vol i me capita e i se meti
A parlar de Salvini e della Tua;
A sbadigliar fazendo spagnoleti,4
A rider e ciassar taco la stua;5
E in mezo a un batibeco general
24La pena ghe fa i corni al caramal.

Intanto el Magistrato no camina,
Cressi le istanze e ne vien l'aqua al colo;
Un ato ga la mufa in quarantina,
St'altro me fa le tarme in Protocolo;
Se perdo la pazienza e salto suso,
30Per un mese i me tien tanto de muso.

E co le man ligade no se pol
Meterli a segno sti bufoni; qua,
Per far le cosse in ordine, ghe vol
Mustacioni e papuzze de bassà;6
Una scova col manigo, una pala,
36E mi go brazzi de netar la stala.


[p. 19 modifica]Questo componimento è classificato dal poeta quale scritto in vernacolo triestino. Tuttavia, come spesso avviene nelle poesie dell'arguto Polifèmo, il dialetto è piuttosto venezianeggiante. Infatti il triestino dirà «distrigarme» piuttosto che «destrigarme» (sbrigarmi) e userà poco il vocabolo parona nel senso di moglie.



Note
  1. de bando, a scrocco; star de bando, stare in ozio; tuto per de bando, tutto inutilmente.
  2. ga ciolto l'ojo, ha preso l'olio, cioè l'olio di ricino.
  3. parona, padrona: qui nel senso di moglie (vedi sopra).
  4. spagnoleti, sigarette.
  5. taco la stua, vicino alla stufa.
  6. papuzze, pantofole: bassà, Pascià.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_capouffizio&oldid=66470"