El Sorze in Libreria

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 140 modifica]
El Sorze in Libreria


Un Sorze cittadin vecchio vegnù
Stomegà del gran mondo che mai più,
Vedendose affolà da tuti i lati
Da trabuchei, da cotteghi, da gati,
5Vol ridurse romito a terminar
In pase i zorni, che ghe pol restar.
Benchè avvezzo a nuar nella ricchezza,
Despota e ditator d'un salvaroba,
No ghe pol comodar quell'incertezza,
10Che xe sempre compagna a quei che roba,
E sete, o disisete,
El pensa alla so quiete,

[p. 141 modifica]

Nel so cuor prevedendo el fin ingrato,
Ch'el pol far capitando in bocca a un gato.
15Ma trovarse sto sito, e star sicuro
El dificile xe, questo xe el duro!
Ma pensa, e studia, e torneghe a pensar
El l'ha podesto alfin fora catar.
Vardè, che giudizion, chi el crederia?...
20D'un nobile el se mete in Libreria.
Tranquillo de no aver nissun oltraggio,
Mentre certo nissun là no ghe andava,
El forma el so passaggio,
Deciso, decisissimo de star
25Finchè morte lo vaga a saludar.
Paron quando el s'ha visto in Libreria,
El visita superbo ogni scanzia:
El natural prurito
Secondà da una dose d'apetito,
30A praticar lo porta i primi guasti,
Sulle novelle dell'abate Casti.
Penseve co che gusto, e co che spasso
El rosega in principio un libro grasso
Ma fati sie boconi,
35Quell'onto ghe fa nausea, e stomegà
El lo lassa incompleto rosegà.
Avido de trovar qualche cossetta,

[p. 142 modifica]

Nel Dotti lu se trova un bon boccon;
Quel piccante che forma una salsetta,
40Che lo rimette e che ghe da speranza
De cavarse caprizi a crepa panza.
Ingordo del Fedrizi
El magna varj comici pastizi,
El rosega anca el Chiari,
45E benchè senza sal, come che l'è,
El ghe fa presto una rabbiosa sè.
Ma i liquidi del Lali
Senza imbriagarlo gnente,
Da bever i ga dà comodamente.
50Geloso per trovare boconi fini,
El tasta Becatini,
Ma trovandolo un rosto dessavio,
Piutosto desgustà el lo lassa indrio.
Ghe stuzzega la gola
55Diversi Romanzieri,
Ma el stomego in languor subito el trova,
Per quei continui insipidi conzieri:
Xe una piatanza stramba
Una certa raccolta in do tometti,
60Scritta da quel Corrier senza un Gamba.
El ghe ne vol tastar do bocconetti,
Ma un effetto curioso assae i ghe fà,

[p. 143 modifica]

Che sul terzo l'è quasi indormenzà.
Ma da quel sonno basta a slontanarlo,
65Un refolo d'odor, che Baffo esala,
E che cambia quel logo in una stala.
Per quella tal incomoda fragranz
El desmentega tanti altri libreti,
Temendo de trovar fra quei Poeti
70Oltre l'odor del Baffo la sostanza.
Sul Galateo che stava là in disparte,
Novo fiamante da tagiar le carte,
Sto Sorze butta l'occhio, e no ghe piase
De quel bon libro disturbar la pase.
75In questo uniformandose al rispeto,
Che à avudo el so paron col no studiarlo,
Anzi col no toccarlo,
Saviamente ha pensà de tirar dreto.
Non avendo altra vogia de magnar,
80Termina el so disnar,
Gamera utile molto in quei momenti,
Ghe dà nella Corneide i curadenti.
Tranquillo senza aver nessun impazzo,
Là consumà in sto modo i libri a sguazzo,
85Facendo quel che far ghe toccaria
Col studiarlo un paron de libreria.
Utile xe in sti casi, assicureve,

[p. 144 modifica]

Un Sorze de sto gusto, e ghe va lode,
Massima se capace, immagineve,
90L'è de destinguer ben quello ch'el rode.
E un Sorze come questo de cervello
Merita, e xe pochetto, un Capitello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_Sorze_in_Libreria&oldid=40804"