Difesa della Marietta

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Elogio di Baffo Edission e fonte ▼ Giudizio imparziale sull'Anedoto di Palfi colla Marietta  →
[p. 105 modifica]
NOTA PRELIMINARE

Per intelligenza di questo scherzo, bisogna premettere che la Marietta di cui si parla mantenuta a vicenda da due signori del paese uno giovane, e l'altro vecchio, diede furtivamente un rendez-vous al Principe Palfi. Lo ricevette nuda nel suo letto, e credendo forse di riscaldarlo gli ricusò i suoi favori. Per il che, il Principe adirato, commise al valore di un suo amico Poeta di raccontare l'anedoto e di vestirlo dei colori poetici. Fu la Marietta difesa dal Cavalier Paolo Pola di Treviso antico suo adoratore. Il poeta alla tavola di Palfi annunzia, che il Pola non ha colpito nel segno, e fingendosi preso di zelo per la fama di questa brava ragazza esce fuori con questi pochi versi intitolati a


DIFESA DELLA MARIETTA


Perdoneme Palfi mio
     Se ve digo el parer mio,
     Sul caseto sorprendente
     Che un poeta maldicente
     À in paese publicà
     Senza un poca de pietà
     Per la povera Marieta
     Conossuda per vacheta
     Ve l'acordo, ma parona
     De dispor de la so mona
     E de darla a chi la vol
     Tanto più che zà la pol

[p. 106 modifica]

     Mercanzia de do paroni
     Che sialaqua da cogioni
     Ricusar i so favori
     Anca al cazzo dei signori
     Co la crede stando sù,
     De cavarla assae de più.
     Bravo el Pola che difesa
     Co bon garbo gà la sfesa,
     De sta dona da mestier,
     Ricordandose el piacer
     Che l'à avudo un dì con ela
     Co la gera più putela,
     Ricordandose che nua
     Nel so leto el l'à futua
     E che senza rovinarse
     L'à podesto sbabazzarse
     Co la dama e co la vaca
     No chiavando lù che a maca.
     Digo donca brevemente
     Che Marieta acortamente
     A zogà la ritrosia
     Co un Magnate d'Ungheria
     Che podeva mo scaldarse,
     Che podeva puntigliarse,
     Che podeva per fortuna
     Torla via de sta laguna
     Dove proprio stomegai
     Semo tuti de veder
     Per do mati inamorai
     Che la sia sul candelier.
     Da un signor de sta portada
     Cossa importa una chiavada?

[p. 107 modifica]

     Cossa importa averlo drento
     Per el gusto del momento?
     La voleva sta birbona
     Vender cara la so mona,
     La voleva agir in grando,
     E sta idea de contrabando
     La xè idea che no consola,
     Che una vaca sbezzarola,
     E Marieta no xè tal
     La xè vaca matronal,
     No la xè vaca de fango
     La xè vaca d'alto rango.
     Eco donca quel che sento
     In sto nobile argomento,
     La Marieta vaca esperta
     La doveva star a l'erta,
     La doveva con decoro
     Tenir suso el so tesoro,
     E vù dreto viagiator
     Signor grando e fotidor
     Co inibido ve xè stà
     De andar drento a sazietà
     No dovevi perdoneme,
     Stuzzegarghe co le man
     Per zogatolo quel seme
     Che gh'è spuzza un mio lontan.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Difesa_della_Marietta&oldid=58207"