Dialogo fra Nane, e Clementina

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Dialogo fra Nane, e Clementina
1823
←  Avvertimenti ad Ippofilo Larisco Edission e fonte ▼ L'Omo  →

[p. 142 modifica]

Dialogo fra Nane e Clementina, uno di sei anni, e l'altra di quattro, allusivo alla Festa del Santissimo Natale.

Nane fa il Maestro a Clementina, intanto che questa si occupa di unire un mazzetto di fiori da regalare a sua madre.


Nane

Co sto can borineto
Che ne giazza le buele
Chi à calà zo da le stele
Per l'amor che el gà per nù? —

Clementina

Un bambin chiamà Gesù.

Nane

Fio de chi?

Clementina

                         Mo dame tempo,
So intrigada con quel terno. —

Nane

Zuca via... del Padre eterno. —

Clementina

Me recordo sì ch'el và
In capel sempre pontà. —

Nane

Che matezzi! xe i pitori
Che ghe zonta quel capelo,
Come scherzo del penelo
Xè cambiar l'amor divin
In un puro colombini.

[p. 143 modifica]
Nane

Quanti secoli xè adesso
Che à chiapà l'omo sto loto?

Clementina

Oto. —

Nane

          Sempia! nò disdoto
No ghe vol un gran talento,
Mile prima e pò otocento. —

Clementina

Varda Nane che bei fiori!
Che mazzeto per la mama!
El xe degno d'una dama.

Nane impazientà

Mile prima e pò otocento...
No ti pol per un momento? —

Clementina

Sì te ascolto (o che secada! — (tra sè)

Nane

Dime el nome del vechieto
Che in presepio quieto quieto
Puza el muso sul baston.

Clementina (seria)

L'è Giusepe Marangon.

Nane

E la povera doneta
Che revolta in pani strazzi
Ghe fà cuna dei so brazzi
A quel caro fantolin? —

Clementina

La xè mare del bambin
Maria Vergine Santissima.

[p. 144 modifica]
Nane

Và benon, cussì me godo
Che ti pensi un poco al sodo. —

Clementina

(in aria distrata)


Ma quel bò quel asenelo
Xei venudi zò dal cielo?

Nane

Mo te par? i gera in tera
E i xè corsi a la capana
Per scaldarghe un fià la nana
A Gesù co l'à zigà
Nato apena oà oà.

Clementina

De quei bò, dei quei somari,
Servizievoli de fondo
No ghe n'è più adesso al mondo
No xè vero Nane mio? —

Nane

L'à permesso alora un Dio
E un miracolo l'è stà
Per mostrar a tuti i gnochi
Che confuso coi pitochi,
No podeva certo andar
Chi comanda al cielo e al mar.
E per questo el so corpeto
Gera tanto lusariol
Che levà credendo el sol
I pastori a calze mole
Xe restai senza parole.

Clementina

O che vogia de presepio

[p. 145 modifica]

Che me sento Nane caro!
Quel manzeto... quel somaro....
Quele piegore....

Nane

(impazientandose)


                    Mo ascolta
Bada al serio sta racolta.
I anzoleti drento e fora
Su chitare tute d'oro
Gloria a lù, cantava in coro,
Che no xe a nessun secondo,
Al Paron de tuto el mondo.
Rè de polvere umilieve!
No tra i vostri palazzoni
Ma tra el fumo dei casoni (con trasporto)
Va batendo le brochete
Chi gà in pugno le saete. —

Clementina

Ti te scaldi, zestu mato (guardandolo)
Mi no credo che i oseleti....

Nane

I oseleti nò, i anzoleti...

Clementina

Quei putini, picinini
I xè tanto cantarini?

Nane

O finimola, rifleti
Che a l'esempio di quel cuor
Che à mostrà per nù el Signor (serio)
Deve el nostro con più afeto
Adorar quel caro ambeto,
Che ti vedi sentà là,

[p. 146 modifica]

Vogio dir mama e papà
Che del cuor più sfegatà
Xe in regata tuti dò,
Ne chi vinza dir no sò. —

Clementina

Si coremo presto presto (core avanti)
Prima nu.

Nane

               Nò prima a mì
Son più grando insegno a ti
Co sti fiori in man coremo
Papà e mama strucolemo.

(dividono i fiori)

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Dialogo_fra_Nane,_e_Clementina&oldid=58497"