Brindisi per un Parroco novello

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Brindisi per un Parroco novello
Edission e fonte ▼
[p. 89 modifica]
BRINDISI


PER UN PARROCO NOVELLO1


Amici che caldo!
     No posso star saldo,
     Go invasa la testa;
     Sto zorno de festa
     Poeta me vol....
     Me tegna chi pol!
Chi sa che nol sia
     Efeto del vin?
     Ma se l'alegria,
     Se sto gotesin
     Me fa improvisar
     M'òi da vergognar?

[p. 90 modifica]

Col goto a la man,
     Da bon cortesan,
     Orazio cantava,
     E sempre el chiuciava
     Del vin navegà
     Per darse del fià.
Amante del goto
     Xe sta Anacreonte,
     E a tuti xe noto
     Che rose a la fronte,
     Za fato vechion,
     Amor gh'à dà in don:
Noè s'à imbriagà
     E Lot anca lu;
     Chi torto ghe dà
     No sa la virtù
     Che ga sto liquor,
     Sto gran sedutor.
L'è un ben, l'è un tesoro
     Per omeni e puti,
     De i vechi ristoro,
     Un balsamo a tuti,
     L'è un vero cordial
     Che vince ogni mal.
E un bravo Piovan
     No l'è del mestier,
     Nol sa el so dover
     Se un bon caratelo

[p. 91 modifica]

     De vin, che sia quelo!
     Nol tien sempre a man,
Gh'è sta un Arciprete
     Da tuti adorà
     Che ne la so Caneva
     Per meterse in quiete
     I Padri più celebri
     L'aveva logà
Vedevi ogni arnaso
     Col so boletin.
     Quel gera Tomaso,
     Quel altro Agostin;
     Ma el capo più bon
     San Paulo in canton;
Ne gh'entra la favola,
     La xe verità.
     A mi sto Teologo,
     A mi l'à tocà.
     Amici ridè....
     Pancrazio, imparè.




Note
  1. Il Brindisi fu commesso al Poeta dall'Avvocato Astori onde recitarlo alla tavola di un certo D. Pancrazio parente dell'Avvocato, il giorno ch'egli andava al possesso di non so qual Diocesi in villa. L'aneddoto accennato sulla fine di quel bravo Arciprete, che aveva convertita la cantina in Biblioteca di santi Padri, non è scherzo poetico, ma pazzìa verissima d'un Parroco Bolognese conosciuto personalmente dall'Autore.