A Barbara Contessa di Sala

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
A Barbara Contessa di Sala
XVI secolo
Edission e fonte ▼
[p. 45 modifica]
A BARBARA CONTESSA DI SALA


CANZONE


Dona, pompa del Ciel unica e sola,
     Se no ardesse per vu
     Bisognerìa picarme per la gola,
     Za che in vu sola vedo
     Quel ch'in tute le altre apena credo.
     Meto pegno col Ciel, s'el mete su,
     Ch'el no ve pol dar più,
     E s'el volesse ben, el no poràve,
     Che con un'altra streta el falirave.
     Colombina d'amor, pura anzoleta,
     Mo se vede pur che
     Le Grazie tute tre
     Ve zioga sul bel viso la zoeta;
     Che mile Amori cari e picenini
     Ve fa tempre in t'i ochi i matazzini.
     Dona, dolce mio fogo onde me scoto,
     Sol che fa parer l'altro un candeloto.
Che me faràve l'esser vegnù al mondo
     Co no ve avesse visto?
     L'aver i ochi, e star in t'un profondo

[p. 46 modifica]

     Confinà in t'un Forte
     Ove 'l Sol mai ne varda e el dì co 'l core!
     La perdita è magior co' no è l'aquisto.
     Mi sempre stago tristo
     Senza vu, Sol, al scuro
     Nè a fissarme in vu no me asseguro.
     Pur quanto posso ancora vòi vardarve,
     Che sora d'ogni altro ben
     L'è aver la sorte in sen
     Nel poder qualche poco contemplarve.
     Quando abia dal Ciel oro o reame
     È un cavarme la se quando che ò fame,
     E quanto ben pol darme ogni Pianeto
     El darìa, senza vu, per un marcheto.
El resto xe una fezza, una caìa,
     Tut'è un'avanzaura,
     E vu sola se' 'l fior de drento via.
     Per farve bela el Cielo
     Tiolse el lambico, e fe' colar per elo
     Quante grazie l'avea con gran fatura
     Per man de la Natura;
     E levà via le tare,
     L'à empì d'esse la panza a vostra mare.
     Quel pì che gh'è avanzè pien de difeti
     El lo fa dispensar,
     Cussì co' se suol far
     La fava ogn'ano a i grami, a i povereti.
     El vostro esser vu sola al mondo rica

[p. 47 modifica]

     Fa sì ch'ogni altra è povera e mendica;
     E questo xe el respeto che ve adoro,
     Che me vorìa far rico a sto tesoro!
E se nò rico, aver tanto del vostro
     Che possa comparir
     Ste carte ben rigae de bon inchiostro;
     Voràve iluminarme
     In vu purchè podesse arisegarme;
     Ma la gran luce no se pol sofrir,
     E me sento sbasir.
     Son co' xe un orbo al fogo
     Che no ghe vedo e sento che me sfogo!
     Ma benedeto sia tuto 'l calor,
     Benedeto chi 'l manda,
     Che 'l cuor l'à per vivanda
     Daspuò ch'el vien da cussì gran splendor!
     Ve luse tanto l'anema da tanti
     Razi, che me feguro aver davanti
     Tute le Sinagoghe dei Ebrei
     Carghe in ogni canton de cesendei.
Anema più che 'l Sol bela e vistosa,
     Che vai più che no val
     Qual se vogia richezza preziosa,
     Anema a l'età nostra
     Che un ben de paradiso insegna e mostra
     Sarà quasi da un lucido cristal
     Che, come da un feral.
     Manda i so razi fuora

[p. 48 modifica]

     Che ilumina la zente e che inamora:
     Là, su quei razi tuti tre s'acordà
     Amor, e 'l Ziogo, e 'l Riso,
     E ve vien zo dal viso,
     E va in su co' va el Turco in su la corda.
     Spesso i tiol da quei razi e se fa frezze
     Che ben ch'i passa el cuor i par carezze,
     E un'armadura a bota d'archibuso
     So i segnarìa che no i ghe fesse un buso:
Ma tra l'altre virtù vostre infinite
     La cortesia resplende
     Mazor de quante se ne trova scrite.
     E qual altra se poi
     Meterse de chiarezza al par del Sol?
     Benchè sto mio cervel no la comprende,
     Ch'esso tanto l'intende
     Co' sol far un vilan
     Le bagatele che fa un Zaratan.
     Ela è infinita e 'l mio pensier no tira
     A pena mezo arazzo;
     Ma fe' conto che fazzo
     Co fa chi tiol lontan luse de mira;
     Ch'un fogo par de cento e più fassine
     Una de ste candele picenine;
     No che no sia la fiama grande e viva,
     Ma l'ochio, povereto, no ghe ariva.
Questa no lassa mai se la no strazate,
     Questa è cola de pesse,

[p. 49 modifica]

     Tut'el resto è petà co la spuazza.
     Questa sta ferma drento,
     Stabile a furia de tempesta e vento.
     L'altre to' fresse, Amor, chi le vedesse
     Xe tute cane fesse;
     Questa no ga contesa,
     Questa se fa piasevole ogn'impresa,
     Qual è la vostra propria acompagnà
     Da parte sì ecelente,
     Da un discorso eloquente,
     Da giudizio, da grazia, e da onestà?
     Oh Dona, vaso d'oro prezioso,
     Pien de tuto quel ben che'l Ciel tien scoso,
     Co' vardo in quel bel viso, in quela ciera
     Ò 'l cuor in paradiso e i ochi in tera!
Vu m'ave fato d'una rana un cigno,
     S'un porco un armelin,
     Che co' vedo del fango o salto o sbigno.
     Adesso ch'ò el ritrato
     De quel viso in t'el cuor santo e beato
     I mii pensieri à nome per so' fin
     El so' splendor divin;
     Tuti xe in zenochion,
     Tuti v'adora con devozion,
     E tuti sta con maravegia intorno,
     E dise: Se qua zo
     S'à sto ben, qual è po'
     Quel co' no s'abia sto bernusso intorno?

[p. 50 modifica]

     Oh quanto devo a sta vertù infinita
     Che 'l mio izsegno per ela à luse e vita!
     Mi che son un minchion desgrazià
     A che gloria, a che ben songio arivà?
Musa, l'è tempo de tirarse in porto;
     Ti è in t'un mar infinito
     Co sto batel desfito
     Governà da nochier sì mal acorto.
     Te baste co sta barca sì meschina
     Aver pizzegà i ori a la marina.
     Sti vedi el mar che possa segurarte
     Ti porà un'altra volta più slargarte.