Povara tosa!

Da Wikisource
 
Va a: navigasion, serca

75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
XXII. Povara tosa!
1892
← XXI. Te vestirò d'arzento tuta quanta XXIII. Mi te diseva: cocola, tesoro →
[p. 20]
XXII.


POVARA TOSA!

1


Drento la to botega da sartora
Ti lavoravi, Cate, tuto el dì.
No ti lassavi l'ago che a quel'ora,
sempre a quel'ora che passava mi.

Povara tosa! e adesso scampo via
Co toco quel canton de Frezzaria.

Xe giusto un ano ancuo che ti xe morta,
Che no te vedo più su quela porta!

[p. 21]


2

Xe giusto un ano ancuo che ti xe morta,
Ma te go sempre viva drento el cuor.
Nissun divertimento me conforta,
Tuto me crussia, tuto me fa oror.

Se vado a spasso, o in gondola, o al cafè,
Subito penso: e Cate no ghe xe.

E Cate a San Miciel[1] i l'à portada,
La mia povera Cate inamorada.

3

Oh maledeta l'ora e maledeto
El zorno che ti è morta, Cate mia!
Go sempre in mente el to povaro leto,
El to afano, el to mal, la to agonia.

Pochi momenti prima de morir
Ti m'à volesto, Cate, benedir,

E ti à pusà la testa sul mio sen,
Disendome: cussì me sento ben.



Note a cura de l'autor
  1. Si chiama così il cimitero veneziano.