Pagina:Ultima volontà de sior Tonin Bonagrazia.djvu/6

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Vòi lassarghe quel Corbato
Pien de Aghi damaschin,
Che ogni zorno i ghe ne beva
12Un pocheti drento el vin,

Perchè vòi che i se recorda
Ogni volta che i xe a tola,
Ma col pato che i l'ingiota,
16Senza dir una parola.

2.

El Palazzo mio più grando
Che go ai fanghi de Torcelo,
Col coverto de mazegni,
4Redità da mio fradelo,

Ghe lo lasso a mie Sorele,
Ma lo lasso co sto pato:
Che del teto tute eguali,
8Tante parte vegna fato,

Da pusarghele a la testa,
Co' al passegio le anderà,
Perchè tuti co' le vede
12Le conossa se no i sà,

Cbe le xe l'Ilustrimissime
Mie magnifiche Sorele,
Procurar ch'el staga saldo
16Inchiodà fra carne e pele,