Pagina:Ultima volontà de sior Tonin Bonagrazia.djvu/5

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che i diga, xe qua 'l Nobile,
Ch'andava a remengon,
A contar suso frotole,
24Che fava da bufon.

Che i diga pur vedendome,
Quei scempi de de là,
Intanto le Sostanze
28Che go, le lasso quà.

Me trovo a mente sana,
Me sento in stato bon,
La Volontà mia ultima
32Despiego a tombolon.

Et ego laborabo
Quondam destribuendum,
Sicut in porportionem,
36Proportionare intendum.

1.

Ghe destino un bel Legato
Ai Lustrissimi Fradei,
Ma lo vogio ben curioso
4Ch'el sia uno dei più bei;

Se sarò tratà da mato
Da la mia Posterità,
No m'importa, che i me diga;
8Ma cussì go destinà.