Pagina:Ultima volontà de sior Tonin Bonagrazia.djvu/20

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


23.

Le Piegore e quei Aseni
Ch'al mondo ò mandà in ziro,
Le lasso a i mii Avocati,
4Quel dì che me destiro,
 
Intesi che a chiaparle
Se toga quela rede,
Che scempie, poverete!
8Va drento, e no la vede.

Ma che i le chiapa lori
Che ga capacità,
De doperarla in ordine,
12E i sa come se fà.

24.

La Praderia che in camera
Go da conversazion,
Che dà un prodoto imenso
4Megio del formenton,
 
Dove che nasse un'erba
D'un gusto molto agro,
Che ga del fragrantissimo
8Quei dì che xe de magro,

La lasso a quel mio amigo,
Bernardo Belasegia,
Fina ch'el vive elo,
12E po a la so famegia,