Pagina:Ultima volontà de sior Tonin Bonagrazia.djvu/2

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A I LETORI


SONETO.


Sto pastizzo che adesso lezarè
Xe un amasso curioso de strambezzi,
Ma ste sicuri po che riderè
4Siben che per el che, nol val gran bezzi;

Per altro in sto stramboto sentirè,
Quelo che dir se pol veri matezzi,
Come che li diseva lo savè
8Quel che xe morto, che no vol disprezzi.

Mi l'ò tradoto da un so original,
E m'ò trovà piutosto in qualche intrigo;
11Basta, l'ò fato; e gogio fato mal?

Mi no lo credo; ma per altro digo,
Se trovar lo dovessi senza sal,
14Diseme che so un zuca, e sarò amigo.


L'AUTOR.