Pagina:Ultima volontà de sior Tonin Bonagrazia.djvu/14

Da Wikisource
Va a: navigasion, serca
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



El Bosco che grandissimo
Possedo a Portoseco,
Uu Musso, un Toro, un Aseno,
12E Corni do da B....

14.

A st'altri mii Fatori,
Che ghe sia dà i Graneri
Vodi, perchè i lo merita;
4I me xe stai sincieri;

Ma che levà sia i teti,
Cussì mi go rissolto,
A ciò che i staga alegri
8Nel tempo del racolto.

I Sorzi e le Scarpie,
I Schiavi, e quel che i trova,
E trentaquatro Brazza
12De Corda, proprio nova.

15.

A sior Bortolo Sgrafon,
Che de casa xe'l mio mistro,
Ghe regalo quel che al mondo
4Pol vegnir de più sinistro,

E una Zara de quel'oro
Che xe dove no se sà,
Ch'el lo cerca, s'el lo trova,
8Che sicuro el morirà,